Maggioli Editore

Zoe3 Design – Efrem Bonacina e Giovanni Moro

Il design dei componenti per mobili: ispirazione, idee… il vostro “mood” per affrontare il design di un componente per mobili

Cerchiamo di realizzare prodotti che possano essere declinati su varie tipologie di arredo, senza farci influenzare troppo da trends o interpretazioni modaiole. Questo per elaborare articoli che – almeno nello “spirito” – non invecchino velocemente nel tempo e non risultino obsoleti con i cicli e ricicli delle tendenze, per non “stancare” l’occhio dell’acquirente né tantomeno quello del produttore. Le ispirazioni che muovono il nostro percorso progettuale sono molteplici, ma prediligiamo oggetti con un’estetica sobria, mai urlata o troppo protagonista; e nascono sempre da una condivisione di informazioni e idee con il cliente: ci interessa capire quali sono le possibili direzioni in cui muoverci solo dopo esserci immersi nella quotidianità di chi dovrà utilizzarli e di chi dovrà produrli, ci confrontiamo con chi si interfaccia con i clienti e con gli utenti finali, visitiamo la produzione e raccogliamo informazioni su eventuali terzisti. Raramente un nostro oggetto viene definito interamente tra le mura dello studio, se prima non ci siamo “sporcati le mani” in azienda; i prodotti che abbiamo disegnato senza avere un tavolo di discussione aperto con un committente rappresentano una parte davvero minima della nostra produzione.

 

Che tipo di componenti disegnate? Ci potete fare qualche esempio di suoi progetti?

Negli anni abbiamo lavorato molto con aziende come Colombo Design, realizzando collezioni di manigliette per mobili per la linea Formae, una tra le divisioni più recenti dell’azienda leader nella produzione di maniglie per porte e finestre. Per loro abbiamo anche sviluppato diverse linee di arredobagno, complementi e l’intero progetto “Signs”, una collezione di segnaletica per spazi pubblici interamente personalizzabile. Abbiamo disegnato alcune ruote per arredi sia in metallo che in materiale plastico con Stampmatic. Progettiamo componentistica destinata al lighting per aziende italiane e straniere.

 

Secondo voi da cosa nasce l'esigenza, da parte dei produttori di mobili di utilizzare componenti di design?

Il componente ben disegnato e ben realizzato impreziosisce e nobilita un prodotto. Il dettaglio è in grado di definire profondamente l’estetica e l’appeal di un arredo, nei casi migliori contribuisce a migliorane l’uso. Da un punto di vista meramente commerciale, specialmente in un mercato che deve trovare costantemente nuovi spunti e nuove dinamiche, è un valido argomento di vendita e uno strumento per differenziarsi.

 

 

Efrem Bonacina si laurea in Disegno industriale al Politecnico di Milano. Nel 2007 fonda a Lecco Zoe3, società che si occupa di design, ingegnerizzazione e project management in diversi settori, dal complemento di arredo alle macchine industriali. Giovanni Moro si laurea in Disegno industriale al Politecnico di Milano e collabora con Zoe3 dal 2009, occupandosi prevalentemente di product design nei settori del mobile, dell’illuminotecnica e degli articoli sportivi. Tra le aziende con cui hanno collaborato: Agrati Aee, Barco Group Inc., Blossom Skis, Boluce, Cama Group, Colombo Design, Del Zoppo Bresaole, FontanaArte, Gruppo Creval, LG Electronics, OmPorro, Philips Electronics, Poli.Design Consorzio del Politecnico di Milano, Riva1920 Industria Mobili, Roto Frank, Stampmatic.

 

www.zoe3.it



Ti potrebbe interessare anche



Commenta l'articolo per primo!

Aumenta la dimensione del testo Diminuisci la dimensione del testo Stampa Invia a un amico

Questo articolo è stato inserito il 06/07/2016 nella categoria Progettisti, letto 3019 volte

Tags: per zoe3 il componente ben disegnato e realizzato è in grado di definire profondamente l’estetica e appeal di un arredo spesso contribuendo a migliorane l’uso



Categorie di articoli





Esame Architetto