Maggioli Editore

Il design DanelonMeroni

Scoprire il design degli elementi appositamente studiati e creati per il bagno, attraverso le esperienze di Claudia Danelon e Federico Meroni dello studio Danelonmeroni.

 

Ispirazioni e idee: il vostro "mood" per affrontare il design degli elementi per il bagno.

Il bagno è un elemento piuttosto “giovane” della casa familiare standard: meno di un secolo fa, solo le persone ricche potevano permettersi uno spazio all’interno della casa dedicato soltanto alle funzioni di pulizia. La “stanza da bagno” sta attraversando una trasformazione alquanto radicale: da stanza fredda e funzionale total-white a oasi di relax in cui una selezione speciale di materiali e finiture rispecchia la personalità del proprietario. La sfida di integrare componenti molto tecnici in un ambiente piacevole ha dato risultati eccellenti nell’ultimo decennio. Di recente sono stati fatti incredibili passi avanti nell’industria del bagno e di questi tempi un prodotto deve funzionare, essendo ormai la funzionalità un dato di fatto. Ciò che fa da davvero la differenza oggi è la qualità della costruzione e dei dettagli e soprattutto le emozioni che i prodotti comunicano all’utilizzatore finale. In un mondo in cui è disponibile una moltitudine di prodotti simili, le persone scelgono con gli occhi e sulla base delle loro sensazioni. Come designer, questo rappresenta sempre un buon punto di partenza quando progettiamo un nuovo prodotto: vogliamo creare prodotti unici che facciano innamorare l’utilizzatore finale a prima vista e allo stesso tempo vogliamo creare prodotti che si adattino piacevolmente alla nostra routine quotidiana e che non sembrino grandiosi solo sulle copertine delle riviste.

Cucina e bagno sono le zone della casa in cui le attività quotidiane hanno il maggiore impatto su mobili e oggetti, quindi il design di tutti i componenti deve essere particolarmente raffinato e ben congegnato. La risposta è quindi trovare sempre una soluzione intelligente, un’idea brillante che risolva un problema pratico in modo meraviglioso.

 

Ci potete fare qualche esempio dei vostri progetti per il settore bagno?

Recentemente abbiamo ideato due collezioni di arredobagno per il produttore americano Ronbow e due nuove collezioni di rubinetteria per l’azienda italiana Cristina e il produttore indiano Jaquar. Questi progetti illustrano perfettamente il modo in cui il nostro approccio cambia in base ai vari clienti e alle varie direttive, per creare prodotti innovativi per il grande pubblico ma al contempo adatti al mercato di ogni singola azienda e ai clienti.

Il sistema bagno Free per Ronbow è stato progettato per offrire un alto grado di flessibilità che permette all’utilizzatore di configurare i pezzi in modi creativi e sorprendenti. Ispirati dall’adattabilità dei mobili da soggiorno, i suoi diversi moduli sospesi possono essere combinati per creare varie composizioni, un concetto piuttosto insolito per un mercato tradizionale come quello del Nord America. L’insieme è sostenuto da un piano mobile, che può avere un lavabo in pietra integrato o uno in ceramica da appoggio. I diversi componenti sono tenuti insieme da uno schienale che protegge il muro e dà al sistema un carattere distintivo. Al di sopra e al di sotto del piano orizzontale, il sistema incorpora ripiani aperti, armadietti, mobiletti chiusi, colonne e specchi.

La seconda collezione per Ronbow è una fusione di influenze progettuali provenienti dal nord Europa, dallo stile vintage inglese alle semplici linee scandinave con un tocco di eleganza rétro: la serie da bagno Brit trasuda comfort e raffinato lusso. Pensato per completare diversi interni residenziali, dagli appartamenti urbani in stile minimal alle classiche case d’epoca, il suo design senza tempo combina caratteristiche classiche e moderne per dare un senso di calore al bagno.

Forme semplici e superfici delicate caratterizzano il design della nuova linea di rubinetteria da bagno Beak di Cristina Rubinetterie, in cui il “minimalismo dolce” rappresenta lo spirito di una scelta stilistica con una personalità unica. Stavamo cercando una nuova combinazione di volumi e proporzioni che reinterpretasse l’archetipo del rubinetto e abbiamo concentrato la nostra attenzione sulla connessione tra il corpo e la bocca di erogazione del rubinetto, raccordati in armonia tra loro da superfici curve simmetriche. Tutti i prodotti della collezione sono caratterizzati dalla fusione controllata tra geometrie pure e organiche e questo principio determina non solo le proporzioni d’insieme dei prodotti, ma anche dei dettagli, come la linea sottile della leva che contribuisce a bilanciare il corpo scultoreo del rubinetto.

Uno studio di caso molto diverso è il nostro nuovo rubinetto Tailwater per Jaquar Artize. La direttiva era quella di creare un rubinetto non convenzionale, un pezzo straordinario e iconico. Abbiamo studiato come veicolare un’idea di mondo naturale attraverso un prodotto per il bagno e dai nostri primi schizzi è emersa l’immagine astratta di un uccello, appollaiato sul bordo di un laghetto. La leva e la bocca di erogazione sono unite in un’unica forma intuitiva, semplice e piacevole da usare. La curva del corpo del rubinetto ricorda il movimento e il fluire dell’acqua, mentre la sua superficie riflettente sembra un’unica colata di metallo liquido.

 

Secondo voi quanto è importante per le aziende produttrici proporre elementi dal design ricercato e quanto questo influisca sull'utilizzatore finale?

Crediamo che il bagno ideale sia un mix di buona progettazione/architettura d’interni e buona progettazione di prodotti. Di solito, la possibilità di creare elementi per interni su misura per un ambiente specifico permette all’architetto di andare molto vicino alla soluzione ideale, dato che ogni singolo dettaglio può essere personalizzato per soddisfare le aspettative del cliente. Ma il bagno è un ambiente alquanto speciale da progettare a causa della presenza di acqua e di tutte le esigenze in termini di salute e sicurezza. Molti prodotti per il bagno, nonostante sembrino abbastanza semplici, sono troppo complicati per essere personalizzati per ogni progetto, oltre al fatto che il livello qualitativo che un processo di produzione industriale è in grado di offrire può raramente essere superato. Quindi il ruolo dei prodotti “standard” diventa estremamente importante: devono essere versatili, modificabili e molto ben particolareggiati per soddisfare le aspettative dei vari utilizzatori finali e permettere all’architetto di creare il bagno perfetto, uno spazio che sia funzionale ed emozionale allo stesso tempo.

 

Lo studio di design DanelonMeroni crea progetti centrati sull’uomo, per fornire prodotti ed esperienze dotate di significato e personalità. Lo studio è guidato dai suoi fondatori, Claudia Danelon e Federico Meroni, che mettono insieme le loro esperienze nel campo dell’architettura, della progettazione di interni e prodotti per creare articoli belli, funzionali e invitanti. Sebbene la creatività e l’innovazione rappresentino il fulcro del loro processo di progettazione, svolgono anche una vasta attività di ricerca in termini di tendenze in fatto di lifestyle, colori, tecnologie emergenti e materiali. In questo modo sono in grado di offrire un servizio dedicato e completo, supportando i clienti dall’idea iniziale fino al prodotto finito. Il punto di partenza di qualsiasi progetto è l’utilizzatore finale, le sue esigenze ed aspettative. Allo stesso tempo, lavorano con le aziende per capire il mercato in cui operano e il servizio unico che offrono. Dopo un’analisi iniziale e la creazione del concept, sviluppano, curano nei dettagli e progettano un design in grado di garantire il perfetto soddisfacimento di tutte le esigenze funzionali, estetiche e tecniche. Ispirati dalla passione e dalle idee dei loro clienti, creano prodotti eleganti, centrati sull’uomo, per deliziare e sorprendere i mercati. Claudia e Federico combinano la loro percezione di design e branding per creare prodotti ed esperienze del marchio che abbiano successo dal punto di vista commerciale e che siano acclamati dalla critica.

 

 

www.danelonmeroni.com



Ti potrebbe interessare anche



Commenta l'articolo per primo!


Esame Architetto